A Tolosa i marciapiedi catturano l’energia umana

487-marciapiede_in_marmo_bianco.jpgVi ricordate Conan il Barbaro interpretato da Schwarzenegger? Girava una ruota di legno per anni e anni, solcando il terreno sul quale camminava. La sua energia serviva a poco o niente e veniva dispersa nell’ambiente. Ma adesso le cose sono cambiate: una ditta olandese ha progettato e realizzato un nuovo marciapiede che permette di immagazzinare e riutilizzare l’energia prodotta dal passaggio dei pedoni.

A Milano c’è il Salone del Mobile e la città sta impazzendo tra mille eventi. Le persone popolano le vie del centro e brulicano tra una location e un’altra, sfogliando compulsivamente le diverse guide che pubblicizzano i luoghi “must” del FuoriSalone.

Ricordo l’esempio che ci fece la mia professoressa di fisica per spiegarci l’entropia: un movimento energetico continuo che si produceva all’interno della nostra tazzina di caffè ogniqualvolta vi mescolavamo dentro lo zucchero. Energia.

Si chiama anche olio di gomito e lo producono gli uomini, respirando, vivendo e camminando. Se in Italia si pensa a spendere tutte queste energie tra un happening e l’altro, a Tolosa, in Francia, hanno pensato di raccoglierle attraverso marciapiedi che permettono di immagazzinare la forza prodotta dal passaggio dei pedoni. Una rivoluzione.

Il marciapiede, realizzato dall’azienda olandese Jaap Van der Braak, è stato dotato di un gruppo di tavolette in grado di generare 30 watt di elettricità. Queste contengono microsensori che catturano l’energia prodotta dai pedoni e di caricarla su una batteria che sarà poi utilizzata per alimentare l’illuminazione nelle strade.

A Tolosa i marciapiedi catturano l’energia umanaultima modifica: 2010-04-15T11:00:00+00:00da green.power
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “A Tolosa i marciapiedi catturano l’energia umana

  1. Sono davvero contento a dir poco felice di sapere che si può produrre energia atteraverso sensori sui marciapiedi o pannelli solari sull’asfalto, era ora che si smettesse di deturpare il paesaggio da pannelli e eliche o PEGGIO CENTRALI NUCLEARI.

  2. Sono davvero contento a dir poco felice di sapere che si può produrre energia atteraverso sensori sui marciapiedi o pannelli solari sull’asfalto, era ora che si smettesse di deturpare il paesaggio da pannelli e eliche o PEGGIO CENTRALI NUCLEARI.

  3. Evviva la Ricerca!!! alla faccia del NUCLEARE!! Il GRANDE ALbert ha fatto una Grandiosa scoperta….ma sino a quando non si saranno scoperti metodi di usare il Nucleare in modo sicuro e che non genere scorie MORTALI, sarà meglio non usarlo affatto!! Evviva le energie Pulite e rinnovabili!!!!!!!!

  4. Lìintelligenza umana è una grande risorsa,che non deve essere sprecata ai fini del vil denaro,ma per arricchire la collettività di sapere.Che aiuti l’uomo a vivere la sua vita in armonia con il creato.Il resto non è intelligenza ma porcheria.Fin d’ora l’uomo ha vissuto da avventuriero non da persona intelligente.Ed ha rovinato il vivere collettivo e lo ha condannato pure Dio.
    E.B.

Lascia un commento