Arredo urbano: arriva il Symbiotic Green Wall

sd3.jpgUn “muro verde”, un sistema verticale che include flora e fauna. Un complesso simbiotico che attinge acqua piovana e la restituisce, purificata, ai cantieri edili. Tutto questo è il Symbiotic Green Wall, un’invenzione dei due designer coreani Kooho Jung & Hayeon Kelly Choi. Il muro non rappresenta solo una buona notizia per il mondo dell’ecologia, ma anche un’opportunità di sponsorizzazione e di azione per le aziende pronte alla rivoluzione verde.

 

Si dice che ogni cosa sia comunicazione. I gesti, l’inflessione della voce, la sfumatura dello sguardo. Per logica, dunque, tutto può anche essere pubblicità. Che sia un manifesto, un cartellone pubblicitario, uno spot. Il flusso creativo passa e si trasforma attraverso i mezzi, ne assume le forme, i modi e il linguaggio.

sd.jpgTra molti media spicca, negli ultimi anni, una nuova forma di esterna: l’arredo urbano. Ci sediamo su pensiline sponsorizzate, aspettando il tram o il filobus guardando attraverso la pubblicità di uno shampoo o di un deodorante. Gli stessi edifici sono diventati grandi manifesti pubblicitari, così come i pali della luce, le auto, i tram e i taxi.

Le contaminazioni fra design, arte e pubblicità sono sempre più consuete e nascono in questo modo strumenti ibridi che si inseriscono perfettamente nel contesto urbano rinnovandolo dalle fondamenta. Potrebbe essere questo il caso del nuovo Symbiotic Green Wall, un muro ecologico realizzato da due designer provenienti dalla Corea del Sud: Kooho Jung & Hayeon Kelly Choi.

Il Symbiotic Green Wall non è solo un “muro verde”, ma è un vero e proprio ecosistema che si auto-alimenta e conserva. È pensato per essere posizionato vicino ai cantieri edili dove viene utilizzata una grande quantità di materiali, tra cui l’acqua. Il muro, infatti, “si nutre” di acqua piovana, la purifica e la restituisce al cantiere usando un processo naturale, che è poi monitorato in maniera digitale. Successivamente, l’acqua scorre all’interno sd2.jpgdell’installazione abbeverando la flora presente e fornendo nutrimento agli uccelli che lì troveranno lo spazio per nidificare.

Uno dei segnali della riuscita dell’operazione sarà proprio il numero dei volatili che decideranno di insediarsi nella struttura; ciò significherà che il livello di inquinamento si sarà abbassato e che le condizioni saranno confortevoli per la vita dei pennuti.

Il Symbiotic Green Wall rappresenta un’occasione non solo ambientale, ma anche di comunicazione. Perché non pensare a un’azienda che decida di sponsorizzare un’azione del genere, mettendo la propria firma e il proprio impegno su un muro green?

Per maggiori informazioni: www.yankodesign.com

 

Arredo urbano: arriva il Symbiotic Green Wallultima modifica: 2010-01-27T18:37:00+01:00da green.power
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento