Brindiamo “green” alla salute di St. Patrick

st20patricks20day.jpg17 marzo 2010. Oggi si festeggia San Patrizio in Irlanda e nel mondo.
Il colore della festa? Verde, naturalmente. E non di speranza.
Se avete intenzione di rendere omaggio al patrono dell’isola di smeraldo vi consiglio, come sempre, di farlo in modo “green”.

Innanzitutto: bevete birra responsabilmente, ma soprattutto chiedetela alla spina. Se proprio non resistete al gusto delle bionde o scure imbottigliate, almeno che siano di vetro e non di plastica. Se riuscite, fate caso all’etichetta e preferite birre prodotte localmente e in piccola scala. Ci sono alcune marche di birra che hanno già ottenuto il marchio green: New Belgium Beers, Peak Organic o la North Coast Brewing Company. Se poi foste talmente “green” da aver deciso di produrvi artigianalmente la vostra birra, beh, non potremmo non esserne più che soddisfatti.
Ah, mi raccomando, riciclate anche i bicchieri!

Per quanto riguarda il cibo, se volete anche dilettarvi in cucina, prendete spunto proprio dagli irlandesi e usate patate e cavoli, biologici naturalmente. Cercate di evitare la carne e, se riuscite, trasformate in vegetariani i vostri piatti preferiti. Non vi dirò di cucinare lo stufato irlandese vegetale, ma se vi preparaste le lasagne verdi non sarebbe poi così male.

Non credo che vi metterete a decorare la vostra casa con trifogli e stelle filanti verdi, comunque sia, se vi dovesse capitare: non usate decorazioni di plastica. Nonostante siano economiche, non sono certo eco-friendly e ben presto finiscono nella spazzatura.

Infine, usate magliette e indumenti organici, è questo il vero modo di omaggiare il verde irlandese. Ma poi non è nemmeno così necessario rinunciare alle tradizioni, quando su internet esistono già siti in cui ordinare le proprie magliette ecologiche con su scritto “Kiss Me I’m Irish“.

E allora, tutti pronti per brindare.
Uno, due, tre… Slàinte!

Brindiamo “green” alla salute di St. Patrickultima modifica: 2010-03-17T16:06:00+01:00da green.power
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento