Salone e FuoriSalone, il design parla ‘green’

IMG_0532.JPGUn pomeriggio e una mattina dedicati al design eco-sostenibile.
Un viaggio tra installazioni ed eventi ‘green’, che ha dato i suoi migliori risultati in via Tortona con lo spazio Sparkling e il Samsung Design Garden.
Arricciata di naso, invece, per il tradizionale Salone del Mobile, che non sembra avere ancora accolto le istanze della rivoluzione verde.

A Milano si comincia a sentire l’odore del Salone del Mobile in metropolitana. Ci si sveglia un martedì mattina qualunque e si corre a prendere il primo treno direzione “Rho-Fiera”. Si aprono le porte e, nonostante si sia pensato di scampare il consueto affollamento a causa del cronico ritardo, si viene invece sommersi e scagliati nell’angolino più lontano dalla porta in preda a spintonate e strattoni. Tempo di Salone, evidentemente.  

IMG_0535.JPGI giornali cominciano a urlare le meraviglie degli eventi dislocati in una città che freme e brulica di  designer dal viso nordico con occhiali sempre della stessa montatura o asiatici con la macchina fotografica incorporata. Un mix di lingue, culture e stili di vita trasformano Milano in una metropoli internazionale. Finalmente.

È così che comincia il mio percorso alla ricerca di innovazioni e proposte ‘green’. Giovedì pomeriggio, ore 16. L’itinerario ha inizio alla Fabbrica del Vapore in via Procaccini. Il progetto ‘Green Block – Posti di vista’ prevede una serie di installazioni tutte all’insegna dell’eco-compatibilità, dell’efficienza energetica e della sostenibilità. Un buon inizio.
Borse prodotte da vecchi copertoni, un orto improvvisato, mobili di cartone e percorsi tematici sullo spreco d’acqua e sul riutilizzo della plastica, non sono che alcune delle idee proposte da FDVLAB e dalla rivista Ottagono con questo evento.

Ore 16.45, il giro è stato lungo. Per questo mi affretto a spostarmi verso la Stazione Garibaldi per vedere quello che è stato definito da Metro News come un ‘meraviglioso e pittorico frutteto’. IMG_0552.JPGForse bisognava lasciare spazio all’immaginazione. Quello che ho visto io sono stati piccoli fusti di alberelli invasati, alimentati con flebo d’acqua e illuminati da pallide lampade rosee. Più che un ambiente lussureggiante mi sembrava di essere finita nella corsia di un ospedale con uno spazientito infermiere a far da guardia alle povere piante. In questo caso, pollice verso.

Ore 17.05. È ora di spostarsi in Zona Tortona. Lì vado a colpo sicuro, so che non rimarrò delusa – almeno spero. Arrivo così fino a via Tortona 31, dove mi aspetta un intero stand dedicato al design ‘green”. “Sparkling – ecologically correct‘ è uno spazio in cui sono racchiuse tante idee e prodotti eco-sostenibili. Sembra proprio di respirare verde. Un po’ come al Samsung Design Garden (via Tortona, 35), dove si cammina in una scura caverna verde, con erba e piante – a dire il vero un po’ appassite per il caldo – che fanno da sfondo a prodotti di ultima tecnologia e rispettosi dell’ambiente. ‘Be sustainable’ è il motto dell’azienda coreana che promuove la filosofia ‘green’ anche tra i giovani grazie allo Young Design Award con la sfida ‘Making sustainability fun with digital products’. Vedremo.

IMG_0582.JPGCon Samsung termina il giro al FuoriSalone, ma il venerdì mattina mi attendono nuove ispirazioni al Salone del Mobile. La sensazione di confusione e spaesamento accoglie in fretta il visitatore appena entrato in Fiera. Vedere tutto sembra una sfida persa già in partenza. Immensi padiglioni, grandi stand super-tecnologici e tanta, tantissima gente. Qualche bici – riservata però allo staff  -, uno stand a ‘Impatto Zero’ e il taxi collettivo. Questi gli unici sprazzi di verde che ho visto al Salone del Mobile. Un po’ di delusione è d’obbligo.

Al termine del mio giro posso dire di aver colto e apprezzato soprattutto gli spunti derivanti dal FuoriSalone, con la consapevolezza che ci sia però ancora molto da lavorare per un design davvero all’insegna dell’ecologia.

Gallery Go Green al Salone e FuoriSalone.

Alice Dutto

Salone e FuoriSalone, il design parla ‘green’ultima modifica: 2010-04-16T18:12:37+02:00da green.power
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento