Cibus diventa digitale e green

cibus1.jpg10-13 maggio, Parma. Va in scena Cibus, la più grande manifestazione agroalimentare italiana.
Per l’occasione, la fiera si veste di green e digital grazie a I-Cibus, un sistema ecologico ed ecocompatibile dedicato ai visitatori e realizzato da JacLeRoi.

Green & digital, continuiamo a sostenere, camminano di pari passo.
E così accade, per la prima volta, a una dei più importanti eventi agroalimentari italiani organizzato da Fiere di Parma: Cibus 2010. L’evento si veste di tecnologia 2.0 grazie al nuovo sistema interattivo I-CIBUS: il digital touchpoint system studiato per rendere più agevole e green la divulgazione e fruizione dei contenutoi multimediali della fiera, grazie a una rete di chioschi interattivi dislocati nei padiglioni.

cibus2.jpgI-CIBUS è dunque un sistema ecologico ed ecocompatibile, questo significa meno alberi tagliati, meno spreco di carta e dei relativi costi di stampa, riduzione dell’uso di inchiostro e possibilità di riutilizzo dei materiali hardware. Un risparmio per tutti che permetterà di inquinare di meno e di accedere in modo semplice, immediato e comodo alle informazioni commerciali nel rispetto per l’ambiente.

Il sistema permetterà ai visitatori di scaricare durante la manifestazione, tramite una semplice chiavetta USB e in tempo reale, tutte le comunicazioni promozionali (video, brochure, comunicati stampa, ecc.) caricate dagli espositori, ottimizzando la loro permanenza in fiera e riducendo nettamente il peso e il materiale cartaceo. Al posto delle pesanti borse piene di carta rimarrà un gadget (la chiavetta USB) riutilizzabile, i cui contenuti saranno comodamente consultabili da casa e dall’ufficio.

Le informazioni inserite dagli espositori verranno inoltre pubblicate automaticamente sul profilo Twitter e nella schermata iniziale dei totem.

I-CIBUS è un progetto FILO ideato e realizzato da JacLeRoi, agenzia di comunicazione a 361° con sede a Parma.

Cibus diventa digitale e greenultima modifica: 2010-04-19T16:38:00+02:00da green.power
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento