Shanghai, il futuro è sotto gli occhi

dm a pudong 27_8.jpgTanti anni fa, agli inizi degli anni Settanta, quando ero ancora molto giovane, andai a New York.
Vidi la skyline e dissi tra me e me: questo è il futuro.
Questo paese è e sarà egemone.
Non ne feci una disamina storica, né politica, né usai Gramsci.
Vidi, e la pancia mi disse così.

La stessa sensazione mi ha colpito stamani, rivedendo Shanghai dopo 12 anni.
Era notte in Italia e l’alba qui. Ma la sensazione è stata grandiosa. Ho visto una grande città di una grande nazione che vuole divenire egemone a sua volta.
Insomma: il futuro è qui.

(Nella foto Diego Masi di fronte alla skyline di Pudong).

È sera ora. Sto scrivendo nel mio albergo di fronte al panorama del Bund, il centro commerciale di Shanghai.
È impressionante. È colorato. È tutto luci. È Las Vegas senza essere di cartone.
E i grattacieli di Shanghai sono imponenti e numerosissimi. Una concentrazione enorme.
Più di New York. Più di Chicago. Più di Dubai. Più di ogni città che ho visto recentemente.

Mi direte: ma è tutto cemento. È vero.
Ma è anche il biglietto da visita di una potenza che diventerà egemone in questo secolo e che ha fatto un Expo di tutto riguardo.
La città è pulita. Verde per quello che è possibile in un contesto urbano.
Un traffico moderato che non mi aspettavo. La gente gentilissima. E le strade senza un pezzetto di carta per terra. Con trasporti pubblici ottimi, sulla carta (domani prenderò il metrò e potrò documentarlo).

E domani comincia anche il nostro viaggio nell’Expo. Ho appuntamento con la delegazione del Ministero degli Esteri che ha provveduto a fare il padiglione italiano (il secondo più visitato) e che cura il lavoro dell’Italia per quanto riguarda il tema “Better city, better life”. Che verrà poi ripreso – come un filo di Arianna – nel 2015 sul tema “Feed the Planet”, evidenziando come il nostro mondo si attrezza rispetto al problema del diritto al cibo e a un cibo giusto.

Diego Masi

Shanghai, il futuro è sotto gli occhiultima modifica: 2010-08-27T14:32:00+02:00da green.power
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento