Lettera al nuovo sacchetto biodegradabile della spesa

greentrotter sacchetto biodegradabile, greentrotter spesa, cartei spesa

Mi hanno detto che sei cambiato. Menomale, perché non ti sopportavo più. Eri duro, impenetrabile, testardo. Non cambiavi idea, non ti rinnovavi mai. Sporcavi ovunque, eppoi era impossibile mandarti via. Lasciavi sempre le tue tracce.

C’è chi giura di averti visto negli abissi dell’Atlantico, sulle spiagge della Polinesia, in cima al Monte Bianco.

Corre voce che adesso tu sia diverso. Più pulito, sano, e buono con il resto del mondo. Prendi la vita con leggerezza. Sei più trasparente. E hai uno spirito dolce, come il mais.

Per questo ti ho dato un’altra chance. Voglio continuare a tenerti per mano.

Oggi ti ho riempito di regali: latte, banane, biscotti, champagne. Poi ti ho portato via da quel posto rumoroso, volevo fare una passeggiata, soli io e te.

Ma dopo nemmeno due passi, ti sei già rotto. Mi hai accusato di averti ferito, hai gettato a terra tutti i regali e ti sei rivelato in tutta la tua debolezza.

Mi hai lasciato sola in mezzo a una strada, a raccogliere i pezzi della nostra storia.

Per un attimo mi ero illusa di poterti avere accanto. Avevo sognato che saremmo andati a casa mia e saremmo rimasti chiusi lì fino alla prossima occasione per uscire… Ho sperato che mi avresti aiutato in cucina, e magari anche a portare fuori la spazzatura.

Credevi di usarmi come tappabuchi?

Non sono arrabbiata. Sono solo delusa.

 

Luisa Cartei

Lettera al nuovo sacchetto biodegradabile della spesaultima modifica: 2011-06-07T07:34:00+02:00da green.power
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento