Irene

Si chiama Irene e potrebbe essere il nome di una moglie arrabbiata che quando torni a casa dal lavoro ti lancia addosso piatti e bicchieri, insulti e rabbia incontrollabile, urla di odio e disperazione, trasformando la cucina in un vortice di colpe e coltelli.

Ti rinfaccia cose che in fondo sai di aver commesso e ti fa sentire impotente daventi alle conseguenze che hai scatenato con le tue azioni.

alg_hurricane_irene.jpgForse se l’hai trascurata non l’hai fatto apposta e se l’hai trattata con indifferenza era perché eri distratto. Forse preferivi andare in moto con gli amici non per cattiveria, ma per immaturità. E l’amante non l’amavi davvero. E le scappatelle le fanno tutti. Forse hai mille scuse, ma ora è troppo tardi.

Si sa che sei ancora innamorato di lei e che senza di lei non potresti vivere, ma lrene questo non lo vede più, o forse non ci crede più.

Al tuo vicino di casa è toccata la stessa cosa con Katrina e domani capiterà anche al tuo meccanico e al tuo capo. Con tutte le Kristine, le Jessica e le Rachel del mondo.

Ogni uragano ha il suo nome e la sua ragione.

Mentre sono all’aeroporto di Los Angeles aspettando un volo per New York che non c’é più, osservo tutti i passeggeri arrabbiati con l’uragano Irene per aver spazzato via mari e monti, case e persone, certezze e programmi di viaggio. Io sono arrabbiata con noi, che un po’ ce lo meritiamo.

Ogni tanto il mondo fa la voce grossa e noi ci facciamo minuscoli. Barricati dentro le nostre case e le nostre insostenibili ragioni.

Gli tsunami, i terremoti e gli uragani ci ricordano che la terra é un signore grande e grosso e anche parecchio incazzato. Mi piacerebbe scoprire che relazione c’é tra le calamità naturali e le nostre malefatte ecologiche.

Magari nessuna.

E quindi, semplicemente, comportarsi meglio col nostro pianeta ci scagionerebbe da tutte le colpe.

Sarebbe già qualcosa. Davanti al giudice, a Irene non toccherebbero neanche gli alimenti.

 

Luisa Cartei

Ireneultima modifica: 2011-08-30T07:30:00+02:00da green.power
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento