Ricomincio da zero, ma riciclo!

black block, proteste roma, piazza gerusalemme roma, indignados, raccolta differenziata, generazioni future, impatto ambientale, emissioni CO2, tende romaSull’Infedele di Gad Lerner ho ascoltato le richieste e le proposte della forza tranquilla che occupa piazza Gerusalemme a Roma. Il sentimento generale è “ricominciamo da zero”. Abbattiamo il debito, che ci pesa sulle spalle e ripartiamo dall’inizio. Tutti alla pari. Senza favoritismi. Senza privilegi. Senza fare i furbi all’italiana.

 

In una parola si vogliono riprendere il futuro senza il peso del nostro passato. Richieste comprensibili. Forse di non immediata realizzazione. Ma condivisibili e soprattutto comprensibili.

 

Ma c’è una cosa in più. Il fatto che ciò avviene è già sintomo di una vitalità della nostra società che ha smesso di piangersi addosso o di appoggiarsi ai genitori. Hanno iniziato a farcela da soli.

 

In mezzo a queste legittime  volontà suonava carino come  tutti sottolineassero la loro attenzione all’ambienteMentre parlavano della BCE, ci rassicuravano che gli accampati facevano la raccolta differenziata, mangiavano prodotti dell’orto, non producevano CO2.

 

In mezzo ai black block, ai cortei, alle auto bruciate, agli accampamenti in tende di fortuna, questi giovani si preoccupavano dell’ambiente e della perfetta tenuta del lastricato di piazza Gerusalemme.

 

È un segnale debole! Ma è una speranza per l’Italia che verrà.

 

Diego Masi

Ricomincio da zero, ma riciclo!ultima modifica: 2011-10-18T16:41:00+02:00da green.power
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Ricomincio da zero, ma riciclo!

  1. Io spero veramente che si possa arrivare a buoni livelli di riciclo..ma per il momento ho letto dati non troppo confortanti. Ecco perchè a mio parere bisogna pensare alle soluzioni che in questo momento ci possono aiutare a smaltire la mole di rifiuti che produciamo quotidianamente. A super quark ho visto che la discarica di Peccioli è un esempio impeccabile da questo punto di vista. Pensate che si basa sull’azionariato popolare e investe molto sulle energie rinnovabili. Mi sembra una bella realtà tutta italiana.

Lascia un commento