Italia e Cina si incontrano per discutere sul tema “ospitare e partecipare alle Esposizioni Universali del XXI secolo”

logo cina.jpgMercoledì 25 Gennaio presso Palazzo Clerici Milano, si è tenuto l’incontro “Italia-Cina: ospitare e partecipare alle Esposizioni Universali del XXI secolo”, che ha dato il via al seminario “Come promuovere Expo 2015 presso la business community internazionale?”.

L’evento, è stato organizzato dal Ministero degli Affari Esteri e dalla società Expo 2015 Spa in collaborazione con ISPI (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale), alla presenza dei Capi degli Uffici Commerciali delle Ambasciate italiane dei Paesi prioritari per Expo Milano 2015.

L’obiettivo: definire una strategia comune per coinvolgere nel progetto dell’Esposizione Universale le aziende internazionali di maggior rilevanza.

Alla giornata hanno partecipato le rappresentanze di spicco dell’Italia in Cina, le istituzioni, il mondo delle imprese e del commercio cinesi, visto l’interesse della Cina alla manifestazione italiana, dopo il successo di Expo Shanghai 2010 e in qualità di Paese partecipante a Expo Milano.

Nel corso del dibattito, Cesare Romiti, Presidente della Fondazione Italia-Cina, ha mostrato i risultati di una ricerca sulla crescita del turismo cinese nel mondo, realizzata dal Centro Studi per l’Impresa della Fondazione Italia Cina (CeSIF). Stando al tasso di crescita annuo registrato tra il 1994 e il 2010, si prevedono circa 65 milioni di turisti outbound nel 2011 e 112 milioni nel 2015.

Nella fattispecie in Italia potrebbero arrivare quasi 2 milioni di visitatori cinesi e Milano, già tra le città più visitate del paese, potrà sicuramente rappresentare un polo d’attrazione ulteriore per un turismo che è tra i più ricchi, offrendo importanti possibilità di sviluppo e business per le aziende italiane e straniere.

Italia e Cina si incontrano per discutere sul tema “ospitare e partecipare alle Esposizioni Universali del XXI secolo”ultima modifica: 2012-01-26T18:59:21+01:00da green.power
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento