“Expo incontra le imprese” e lancia segnali di ottimismo

Supporto, adesioni, ma anche qualExpoincontraleimprese.jpgche cifra significativa. È quanto emerso dalla sesta tappa del roadshow “Expo incontra le imprese”, ospitata da Confindustria nella sua sede romana nella giornata di mercoledì e rivolta a 300 imprese della capitale e di tutto il centro Italia.

A ispirare l’intervento di Emma Marcegaglia, il concetto di “opportunità”. Secondo il presidente degli industriali, l’Expo deve rappresentare «un’occasione di rilancio non solo per Milano, ma per tutto il Paese». Sulla stessa lunghezza d’onda Renzo Iorio, che a nome di Federturismo ha parlato di un possibile «nuovo impulso all’occupazione e all’economia italiana» e ha presentato il progetto-pilota “Lezioni di Expo”, realizzato in collaborazione con Touring Club, Federalimentare, Museimpresa e FAI  per promuovere la destinazione Italia nell’ambito del turismo scolastico.

Ottimista anche l’amministratore delegato di Expo, Giuseppe Sala, che a margine del convegno ha parlato del 2011 come di un anno di svolta, coronato dal raggiungimento di settanta conferme da parte di altrettante nazioni interessate a essere della partita e dalla firma di contratti strategici come quelli siglati con Telecom Italia e Cisco. Il prossimo obiettivo? L’intensificazione del rapporto con le piccole e medie imprese, che permetterà di far fruttare l’investimento pubblico di un miliardo e trecentomila milioni di euro previsto, cui si aggiungerà il miliardo portato in dote dai paesi partecipanti.

Un business che, secondo uno studio dell’Università Bocconi citato nel corso del convegno da Diana Bracco, potrà tradursi «in modalità diretta, indiretta e indotta, in circa 61mila persone occupate in media in ogni anno per tutto il decennio 2011-2020».

“Expo incontra le imprese” e lancia segnali di ottimismoultima modifica: 2012-01-27T12:32:00+01:00da green.power
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento